venerdì 18 luglio 2014

le grandi riforme epocali





4 commenti:

  1. Dai, però quel processo gridava vendetta, per quanto era assurdo. Bastava una sfumatura di rosso in meno, per vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, io sono, da molto, tra quelli che pensano che certa lotta politica si sia svolta non solo in parlamento ma anche in sedi non costituzionalmente previste.
      Ciò non toglie l'interessante coincidenza tra un berlusconi che garantisce numeri al pd di renzi e un certo qual cambio di clima nei suoi confronti (vedasi certe dichiarazioni provenienti da oltreoceano).
      La cosa più divertente è che, comunque si guardi questa sentenza, la tesi di berlusconi ne esce rafforzata.

      Elimina
    2. vedremo alla fine tutto questo a cosa porterà, sembrerebbe che certe componenti molto forti sin dal '92, stiano perdendo le grazie dei loro santi protettori

      Elimina
    3. A quali dichiarazioni da oltreoceano ti riferisci?

      Quanto a Berlusconi, più il fumo si diraderà, più si avvicinerà il momento in cui l'Italia si porrà la domanda fatale, che zamax profetizzò già quando eravamo in piena ondata di odio antiberlusconiano, e cioè: ma di cosa avevamo paura? A questo proposito, una delle cose che mi ha sconcertato di più è il recente titolone di Repubblica: "Ruby, la rivincita di Berlusconi." Avrebbe potuto scriverlo un Sallusti un po' scarico, altro che Mauro. La normalizzazione passa dalla surrealtà.

      Elimina